Tra Woody Allen e Özpetek, il Torino Film Festival

Di Simone Sacchini,

Woody Allen, Ferzan Özpetek, Dario Argento, Nick Hornby… ok, ok, mi son fatto prender dall’entusiasmo e son partito troppo velocemente… procediamo con ordine e cerchiamo di capire meglio il ricco (180 pellicole) programma offerto dalla 32a edizione del Torino Film Festival (21-29 novembre), #EventoDelMese di trivago.


Le anteprime italiane: il nuovo Woody Allen


1 – Woody Allen

Volete vedere l’anteprima dell’ultimo film di Woody Allen? Direzione Torino, armatevi di un po’ di popcorn (un quintale), scaldate la mascella sgranocchiante e preparatevi a vedere l’improbabile, divertente e paradossale “Magic in the Moonlight” con un Colin Firth mago specializzato nello scamuffare ciarlatani… che si fa raggirare da… una ciarlatana (Emma Stone)… bravo Colin, well done!

2 – “La teoria del tutto”

Qualche settimana fa cercavo ispirazione per il prossimo film da vedere e mi sono imbattutto in un post sulle più promettenti prossime uscite. Tra tutti uno in particolare mi ha colpito proprio un botto… “La teoria del tutto“, strappalacrime storia d’amore nonché della vita di Stephen Hawking… e adesso me lo trovo in anteprima proprio al Torino Film Festival… la ciarlatana Emma Stone mi direbbe che si tratta di un segno… ehm, dite che sia un segno? Sto iniziando a credere anche io a queste cose… [Colin: “welcome to the club!”]

3 – Apertura e chiusura del festival

Ad aprire il festival “Gemma Bovary” di Anne Fontaine, commedia amara ispirata all’omonima graphic novel di Posy Simmonds.

Chiusura in grande con l’anteprima di “Wild” di Jean-Marc Vallée, il cui nome forse non vi dirà molto, ma vi dirà molto il fatto che si tratta del regista del clamoroso “Dallas Buyers Club” (il più bel film che io abbia visto quest’anno) che ha portato al premio Oscar Matthew McConaughey. Allo script ha lavorato un tipetto non malaccio… un certo Nick Hornby (se non avete mai letto niente di suo, mollate tutto quello che state facendo, fate ammenda, catapultatevi nel primo taxi che trovate e correte in biblioteca a leggere “Non buttiamoci giù”).

Gemma Bovery

“Gemma Bovery” – Torino Film Festival


I film in concorso e la giuria


A presiedere la giuria che dovrà decidere il vincitore tra le 15 opere in concorso, quella mina vagante di Ferzan Özpetek. Due le proposte italiane in lizza: “Frastuono” di Davide Maldi, con il racconto della crisi adolescenziale di due ragazzi problematici e “N-Capace“, pellicola tra sesso, morte e religione di Eleonora Danco.

Torino Film Festival

Torino Film Festival


Fatevi due risate…


Se odiate i cinepanettoni e amate i filippini che si buttano dal terzo piano vestiti da Babbo Natale (sì, avete letto bene… è un film fantasticamente insano!), non perdete la commedia anti-natalizia con Corrado Guzzanti, Valerio Mastrandrea, Laura Morante e un insospettabile Alessandro Cattelan, “Ogni maledetto Natale“. Guardate questo trailer:


Info


1 – Il programma

Come vi ho anticipato, i film sono 180… ma non spaventatevi (anche se la presenza di Dario Argento al festival non aiuta): qui troverete il programma con tutte le proiezioni!

2 – I cinema

  1. Cinema Classico (elegante sala d’essai nel cuore di Torino, sotto i portici di Piazza Vittorio Veneto),
  2. Cinema Massimo (multisala in via Verdi 18),
  3. Cinema Reposi (storico multisala in via XX Settembre).

3 – I biglietti

Qui tutte le informazioni


Dove dormire?


Proprio nel post di ieri vi abbiamo consigliato un bellissimo hotel quattro stelle nel cuore di Torino, il Grand Hotel Siteascopritelo qui.


Leggete anche…

Ecco i consigli sui migliori eventi per i weekend di novembre