Sulle orme di Gaudí, itinerario artistico a Barcellona!

Di Giulia Eremita,

Tanti sono i modi per visitare Barcellona. Uno potrebbe essere ripercorrere la vita e le opere dell’artista che più di tutti ha segnato la storia di questa città. Per chi se lo stesse chiedendo, no, non stiamo parlando di Messi (riserveremo a lui e al Camp Nou un post a parte); per oggi ci concentretemo su Gaudí creando un mini-itinerario artistico. #GodersiGaudí

1. Plaza Real

Abbiamo appena citato Messi ed entriamo subito in clima di derby, portandovi in Plaza Real (Cristiano Ronaldo starà già tendendo le orecchie). Iniziamo da qui perché qui si trova la prima opera commissionata all’artista catalano. Vi stiamo portando a vedere dei …lampioni!  #ConsigliiIluminanti 

Forse è anche questo che rende speciale Gaudí: il fatto di rendere opere d’arte anche un lampione, un comignolo, una ringhiera (seguiteci in questo itinerario e ve ne convincerete anche voi). #ReMidaDellArte

Barcellona - Plaza Real

Plaza Real – © Mari79 – Fotolia.com

2. Casa Battlò

A differenza di molte altre città, Barcellona annovera tra le proprie costruzioni più belle non sole chiese e monumenti ma anche (affatto) semplici abitazioni private. La mano di Gaudí ha per esempio plasmato quella che era la residenza della famiglia Battlò, facendone una delle più belle opere d’arte al mondo. Se avete fatto da poco ristrutturare casa, adesso probabilmente non sarete più soddisfatti (come invece eravate soltanto pochi minuti fa) del lavoro fatto dalla ditta edile. #RistrutturareConStile

Barcellona - Casa Batllò

Casa Batllò – © MasterLu – Fotolia.com

Se siete degli Appassionati (con la A maiuscola) de “Il trono di Spade“, probabilmente immaginerete draghi ovunque! Forse anche Gaudí era un groupie ante litteram di George Raymond Richard Martin: il tetto di Casa Battlò rappresenta infatti la schiena del drago di San Giorgio, simbolo della Catalogna. #(Draghi)SenzaCapoNéCoda

Barcellona - Casa Battlò

Casa Battlò – © MasterLu – Fotolia.com

3. Casa Milà

La Casa Milà, conosciuta come “la Pedrera” (la pietra), è, come i più acuti di voi potranno immaginare, realizzata in pietra. Niente ceramiche qui, ma ancora forme curve e curiosissime ringhiere in ferro battuto. Anche in questo caso il tetto è uno dei punti forti della casa. Qui potrete trovare quegli strani, “incomprensibili” e bellissimi comignoli stampati su quasi tutte le cartoline che i vostri amici vi hanno inviato negli anni passati da Barcellona. #CanCaminìCanCaminìSpazzacamin

Barcellona - Casa Milà

Casa Milà – © lornet – Fotolia.com

4. La Sagrada Familia

Passiamo poi a La Sagrada Familia, probabilmente il simbolo per eccellenza della città catalana. Non stupitevi di vedere gru, betoniere e manovali. La costruzione iniziò nel 1882 e finirà probabilmente in contemporanea con lo Stretto di Messina. Il nostro buon Gaudí non poté portarla a termine perché investito da un tram nel 1926. #OcchioAiTram

Avete presente il cliché degli anziani annoiati che passano i pomeriggi a curiosare tra i lavori in corso? Se avete superato i 65, qui troverete pane per i vostri denti!

Se invece siete ancora arruolabili, portate la cazzuola, rimboccatevi le maniche e vediamo di finirla una volta per tutte! #Sisifo

La Sagrada Familia

La Sagrada Familia – © funkyfrogstock – Fotolia.com

5. Parco Güell

Non esiste visita a Barcellona che possa prescindere dal Parco Güell. Dopo il drago di Casa Battlò, qui farete conoscenza con una variopinta salamandra che vi accoglierà all’ingresso principale. #Bestiacce

Due informazioni:

1) per gli amanti dei guinness: qui troverete la panchina più lunga al mondo;

2) per gli amanti della Guinness: se una volta entrati nel parco vedrete tutto distorto, sappiate che non avete alzato troppo il gomito. Il parco è semplicemente fatto così: tutto è ondulato, storto, “cartoneggiante”. Non dimenticate di dare uno sguardo alla città dalla terrazza panoramica: magnifico! #ComeEssereUbriachiDaSobri

Barcellona - Parco Güell

Parco Güell – © fazon – Fotolia.com

Eccovi la mappa con il vostro itinerario

Visualizzazione ingrandita della mappa

1) Plaza Real
2) Casa Battlò: Passeig de Gràcia, 43
3) Casa Milà: Provença, 261-265
4) Sagrada Familia: Carrer de Mallorca, 401
5) Parco Güell: Carrer d’Olot, s/n

Dove dormire?

Ecco le migliori offerte hotel a Barcellona su trivago!

Sorpresa per voi

Se pensate di andare a Barcellona probabilmente sarete interessati a sapere se è possibile spendere meno di 200 euro per volo (a/r), due notti in hotel 4 stelle e ogni altra spesa inclusa (mezzi di trasporto, cibo, ingressi, ecc.). Dite che non sia possibile? Guardate qui!

Immagine di copertina: © william87 – Fotolia.com