10 cose da fare a Bali!

Di Costanza Pasqua,

Anche se gli australiani ci tengono a specificare che sono “totalmente diversi dagli inglesi, non abbiamo proprio niente in comune”, una cosa in comune ce l’hanno eccome: esattamente come gli inglesi, sono bravissimi a lamentarsi delle condizioni meteorologiche (quasi mai avverse) dell’Australia.

Leggi anche

Mentre nell’emisfero nord del mondo tutti parlano dell’estate, al piano di sotto gli australiani si lamentano dell’inverno: che tempo orrendo, non ce la faccio più ma quando arriva l’estate, dai, siamo a metà strada ancora un mese e poi è primavera. E che cosa fanno i nostri amici al piano di sotto del mondo per resistere a questi tre interminabili mesi invernali? Prenotano vacanze. E dove vanno quasi tutti tra giugno e settembre? Bali.

Bali

Bali – © Costanza Pasqua

Bali

Bali è la meta preferita di quasi tutti gli australiani, perché racchiude in un’isola tutto quello che piace fare a loro: surfare, prendere il sole, fare sport, fare shopping a prezzi ridicoli, comprare birra praticamente gratis e, come dice il tatuaggio sulla chiappa di un mio amico, party hardy, tradotto anche come fare molto casino.

La mia Bali

Dato che anche io ho preso a lamentarmi del rigidissimo inverno australiano, a giugno ho deciso di scappare dalla gelida, si fa per dire, Melbourne [qui la mia guida su cosa vedere a Melbourne] e di andarmene a Bali. Dopo otto ore di volo, mi sono tolta il maglione, ho preso il mio visto (portatevi l’equivalente di 25$ australiani in contanti, vi serviranno per fare il visto turistico all’immigrazione) e sono stata avvolta da una nube di incensi e persone che mi offrivano taxi, fiori, riso con il pollo, ancora taxi, passaggi in motorino e altri taxi.

Tante Bali

Bali è un’esplosione di colori, profumi, persone e traffico, moltissimo traffico e motorini ovunque. Nonostante questo, a seconda della vacanza che cercate, Bali ha tutto:

  • se siete dei surfer provetti, Uluwatu sarà il vostro posto preferito;
  • se pensate anche voi di tatuarvi party hardy su di una chiappa, allora il vostro posto sarà Kuta;
  • se vorreste visitare l’Australia ma non ci siete ancora riusciti, Seminyak vi teletrasporterà come per magia in mezzo agli australiani;
  • se siete dei patiti dello yoga e a Bali non volete fare altro che ritrovare voi stessi e bere lassi al mango, allora Ubud vi aspetta.
Bali - Tempio

Tempio – © Costanza Pasqua

10 cose da fare a Bali

Una volta scelta la vostra meta, però, ci sono 10 cose che dovete assolutamente fare per dire ai vostri amici, quando tornate, che avete davvero vissuto Bali. Pronti?

1 – Comprate una maglietta Bintang in uno dei negozietti di Kuta o Uluwatu

Bintang è il nome della birra indonesiana più bevuta sull’isola, quella che sembra più acqua che birra, ma che costa così poco che insomma magari ne prendo un’altra, un’altra ancora, ed ecco che vi ritroverete a contrattare con la signora del negozio sul prezzo di una maglietta Bintang. E se non è una maglietta può essere un braccialetto, una cavigliera, dell’incenso, del che ne so io.

Mettiamola così: anche se la maglietta non dovesse piacervi, contrattare con un balinese sul prezzo è comunque una cosa che dovete fare per poter dire di aver davvero vissuto Bali.

2 – Visitate la Monkey Forest di Ubud

Scimmie, scimmie ovunque. Lo sapevate voi che le scimmie sembrano tanto carine ma in realtà si rubano i vostri occhiali da sole e le vostre bottigliette d’acqua e vi saltano addosso? Ecco, questo e molto altro vi aspetta nella foresta di Ubud.

Bali, foresta di Ubud

“E tu… dove vai?”
D.Meutia – CC BY 2.0

3 – Assaggiate il caffè cacato, come lo chiamo io, o Kopi Lowak, come lo chiamano i balinesi

Nel mio viaggio con uno dei tassisti pazzi tra Ubud e Uluwatu, il mio amico Made mi ha detto: “Non puoi non assaggiare Kopi Lowak! Kopi Lowak è buonissimo!” E fu così che mi ritrovai a fare una degustazione di vari tipi di caffè e ad assaggiare il famoso caffè cacato, come lo chiamo io.

Bali - Caffè cacato

“Caffè cacato” – © Costanza Pasqua

Il caffè cacato è così chiamato perché effettivamente le bacche del caffè vengono mangiate da questo animaletto che sembra un furetto, e che poi, come dice il nome, vengono … cacate. Non temete, l’interno della bacca di caffè non viene a contatto con il resto, e i chicchi vengono poi arrostiti come normali chicchi di caffè. Tutto questo processo può sembrare strano, ma il caffè è effettivamente buono. Gli enzimi intestinali dell’animaletto pare diano un retrogusto di cioccolato. Ed è il caffè più costoso al mondo. Ed è un’esperienza indonesiana al 100%. Provare per credere.

4 – Fate surf come i surfisti. O se non siete capaci, andate a bere una birra dove vanno i surfisti

Bali è famosa per il surf e per i surfisti bellissimi che la popolano. A seconda del livello, ci sono diverse spiagge dove è possibile muovere i primi passi tra le onde, o surfare cavalloni di quattro-cinque-sei e non scherzo anche sette otto metri.

A voi la scelta:

  • Kuta Beach se volete imparare,
  • Canggu se già sapete stare in piedi sulla tavola,
  • fino ad arrivare a Padang Padang se con la vostra tavola da surf ci andate anche a dormire.
Padang Padang

Padang Padang – © Costanza Pasqua

Io non vado molto d’accordo con le onde e quindi mi sono accontentata di andare a bere un paio di Bintang guardando i surfisti che cercavano di prendere l’onda perfetta. E il posto migliore in assoluto per farlo è il Single Fin, a Uluwatu.

Bali - Single Fin

Single Fin – © Costanza Pasqua

5 – Rilassatevi in una SPA indonesiana, ritrovate voi stessi facendo yoga

Bali è quel posto meraviglioso dove un massaggio di un’ora e mezza costa pochissimo, è quel posto meraviglioso dove potete farvi coccolare immersi in bagni al profumo di frangipani e rose. Ubud è il posto perfetto per fare tutto questo e, per disintossicarvi da tutto l’alcool introdotto nel corpo, potrete bere frullati vegani e andare a fare yoga in un tempio.

Io sono andata a Bali con tre fanatici dello yoga e, mentre loro si svegliavano alle sei del mattino per fare una sessione di hot yoga nel famosissimo Yoga Barn di Ubud, io mi facevo bagni nel caffè in una SPA meravigliosa chiamata Bali Botanica. Ohm.

6 – Fate come gli australiani, e andate a bere al Potato Head e al Rock Bar e a Kudeta

  • Il Potato Head è uno dei locali più famosi di Bali. Nel cuore di Seminyak, direttamente sulla spiaggia, il Potato Head è la seconda casa degli australiani a Bali. La coda per entrare è sempre infinita, così come i controlli per entrare, e dai prezzi sembra di stare in Costa Smeralda in Sardegna, mica in Indonesia, ma ho bevuto il miglior Passion Fruit Mojito di sempre.
  • Il Rock Bar è un’altra istituzione di Bali amata dai miei amici australiani, oltre ad essere un posto meraviglioso. È un bar su una roccia, come dice il nome, direttamente sul mare. Io un tramonto così non l’avevo mai visto.
  • Kudeta, sembra il Potato Head ma non è. È ancora di più ed è pure una discoteca. Un giro dovete farlo.
Bali - Potato Head

Potato Head – © Costanza Pasqua

7 – Visitate almeno un tempio sacro

Ad ogni passo in una delle stradine di Bali, troverete un tempio. I più belli e spettacolari sono quelli sul mare, come quello di Uluwatu (Pura Luhur Uluwatu) e il tempio di Tanah Lot a Depansar.

Il mio amico Made, quello del caffè cacato, mi ha portato a vedere il suo tempio preferito, l’Holy Spring Water temple, nel cuore dell’isola. È meno turistico degli altri, più fuori mano, ed è una vera e propria esperienza spirituale. Insomma, fidatevi dei balinesi e fatevi portare nel loro tempio preferito.

Bali - Tempio

Tempio – © Costanza Pasqua

8 – Affittate un motorino, e girate per Uluwatu e Ubud. Non girate per Kuta che vi vorrei vedere vivi

I balinesi hanno un solo mezzo di trasporto: il motorino. Intere famiglie si muovono su un solo motorino scassato, sorpassando macchine, altri motorini, di tutto e di più. Affittare un motorino è a vostro rischio e pericolo, soprattutto nelle zone più trafficate come Seminiak e Kuta. Ma affittarlo a Ubud e Uluwatu è meno pericoloso, visto che le strade sono meno trafficate, e, con il vostro motorino provvisto di porta surf, andare in giro per il paradiso dei surfisti e esplorare le spiagge sarà ancora più divertente. Così avrete davvero vissuto Bali!

9 – Una sera trattatevi bene, e andate a mangiare in un posto bellissimo

Bali è piuttosto economica, quindi insomma se per il 99% della vostra vacanza avete speso pochissimo, una sera potete anche fare la pazzia e andare a mangiare in uno dei ristorantitop” dell’isola. Io, dopo giorni e giorni di Nasi goreng, sono stata trascinata a mangiare in questo ristorante chiamato Sarong, e l’esperienza è stata mistica. E ho pagato sempre e comunque meno di quello che pago in Australia per una cena.

10 – Relax, siete a Bali!

Una cosa è certa: i balinesi non hanno fretta. Hanno fretta quando guidano, ma non per il resto.

Quindi non lamentatevi se il vostro caffè ci metterà mezz’ora ad arrivare. E se la vostra camera in albergo non è ancora pronta quando arrivate. E se per darvi un’indicazione prima vi chiedono se volete un taxi, un motorino, un braccialetto, un cane, un paio di ciabatte. Non abbiate fretta, sorridete, esercitatevi a dire “terima kashi”, grazie in indonesiano, e… Relax, you are in Bali!

Bali - Relax

Relax a Bali 
Jimmy McIntyre – CC BY-SA 2.0


Dove dormire a Bali?

Rubiamo un attimo la parola a Costanza per indicarvi le migliori offerte hotel a Bali che potrete trovare qui.

Non tra i più economici, ma… non potevamo evitare di citare il Viceroy Bali (non ci dilunghiamo e lasciamo parlare l’immagine qui sotto).

Viceroy Bali

Cliccate sull’immagine per vedere l’hotel su trivago


Leggete anche…

  1. Giungla, spiaggia, piscina privata: hotel a Bali che risolvono i problemi di coppia
  2. Il precedente post di Costanza: “Cosa vedere a Melbourne in 24 ore”
  3. La classifica delle più spettacolari infinity pool al mondo (di cui fa parte il Viceroy Bali)